Arresti domiciliari per il 40enne gay violentato in carcere

Diritti CiviliVisto che la stampa in generale ha il vizio di non dire mai come vanno a finire le storie di cronaca, ci pensiamo noi a dare una chiusura al fattaccio dell'uomo 40enne gay e sieropositivo violentato e picchiato nel carcere di Catanzaro.

Si chiarisce anche il motivo del suo arresto: pare avesse rubato fili di rame per rivenderli (pratica diffusissima) e che nessuno nel paese dove vive (Lamezia) lo ritiene una persona anche solo paragonabile ad un "criminale". Aveva bisogno e rubava. Non che sia un motivo giustificabile per rubare, ovviamente, ma la disperazione è più forte di qualsiasi legge, non credete?

Ad ogni modo è stato trasferito agli arresti domiciliari, in attesa di una soluzione "consona" alla sua drammatica situazione.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: