"Salvami" o dannami, sono omosessuale

Uscirà fra pochi giorni, il 5 settembre, nelle sale americane "Save me", il film di Robert Cary - presentato al Sundance festival - che affronta la questione del movimento ex-gay, quegli omosessuali che tentano di "guarire" dal proprio orientamento sessuale attraverso una rieducazione di stampo religioso.

E infatti, come sottolineano su Cineblog, già la locandina parla chiaro con un crocifisso puntato alla tempia del protagonista, Chad Allen (Mark nel film), attore che da tempo ha fatto il suo coming out così come il suo collega Robert Gant (Scott). Gay e religione: un tema scottante che infatti ha reso difficile la vita a questa pellicola, pronta dal 2007 ma solo adesso in distribuzione e solo negli Stati Uniti. Per l'Italia - segnala River - possiamo sperare nei festival a tema (immagino Torino) e nel dvd.

Mark, drogato e omosessuale, finisce in un campo di "riabilitazione" per "guarire dall'omosessualità", gestito dalla religiosissima Gayle e da suo marito Ted. Lì tenterà di negare sé stesso e di cambiare la propria natura, ma l'incontro con Scott, un altro "paziente", cambierà le cose per sempre. Dopo il salto c'è il trailer.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: