Brian dei Westlife: vestirsi di rosa è da gay

Brian McFaddenBrian McFadden è un ex membro dei Westlife. Oggi ha una carriera solista non particolarmente esaltante in Inghilterra. Ovviamente, con un album uscito in ottobre "Set in Stone" e con nemmeno un singolo entrato in classifica, è facile immaginare che questa sia solo un'abile mossa per farsi pubblicità. Ecco cosa ha recentemente dichiarato a MoreFm, radio della Nuova Zelanda:

"Se non sei gay, un uomo non dovrebbe vestire di rosa. Dire che il rosa è una specie di rosso è come dire che un omosessuale è una specie di maschio".

Ecco: i media americani, le associazioni e i fan si sono arrabbiati specie sul passaggio nel quale sembrerebbe dire che vestire di rosa è "una cosa da gay", quando lui stesso, come dimostra la foto, il rosa lo usa senza particolari problemi. A me sembra più grave che dica "Se non sei gay, un uomo...", come se i gay non fossero uomini, ma qualcos'altro ancora da chiarire.

Lo hanno accusato di omofobia e sinceramente sembra essere una valutazione un tantino eccessiva, ma sul fatto che abbia detto qualcosa di decisamente impopolare e fuori luogo (nonchè qualcosa di totalmente insensato) è plausibile. Per giustificarsi, Brian ha dichiarato:

"Alcuni dei miei amici e colleghi sono gay e se io fossi davvero omofobico avrei intrapreso una carriera sbagliata".



E qui ha ragione, specie se si pensa che il suo ex collega di boyband Mark Feehily è dichiaratamente omosessuale. Non so voi, ma nei locali e nelle discoteche gay, di uomini di rosa vestiti, ne vedo proprio ben pochi.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: