Matrimonio gay in Costa Rica. I vescovi dicono no

Cartina turistica del Costa RicaI vescovi del Costa Rica si sono rimboccati le talari e hanno scritto una comunicazione a tutte le persone di buona volontà per stabilire chiari criteri in merito al disegno di legge che approva il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Insomma, tutto il mondo è paese. Ecco alcuni passi della comunicazione il cui testo completo si può scaricare qui.

“La Chiesa cattolica considera che ogni persona umana, creata ad immagine di Dio, è degna del più grande rispetto e respinge, conseguentemente, ogni discriminazione contraria alla sua dignità [ma distingue tra] il rispetto alla persona ed il rifiuto all’atto sessuale omosessuale, come atto obiettivamente contrario al piano di Dio”.

Dopo aver ricordato che

“i legislatori civili non possono né devono legiferare contro la retta ragione, perché nel farlo la norma che emettono perderebbe la forza di obbligare in coscienza […] le legislazioni favorevoli alle unioni omosessuali sono contrarie alla retta ragione perché conferiscono garanzie giuridiche proprie dell’istituzione matrimoniale all’unione tra persone dello stesso sesso. Considerando i valori in gioco, lo Stato non può legalizzare queste unioni senza mancare al suo dovere di promuovere e tutelare un’istituzione essenziale per il bene comune quale è il matrimonio”.

Per altre amenità simili, rimando al documento.

Via | Fides

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: