Oggi a Roma i funerali del 15enne suicida e la madre chiede giustizia

Omofobia in Italia

Si è svolto oggi il funerale del ragazzo quindicenne suicidatosi martedì a Roma per omofobia. Il giovane sembra essere stato vittima di scherzi e discriminazione fino al punto di volersi togliere la vita, in un giorno di novembre.

La madre ha rilasciato un messaggio durante l'addio al figlio, disperata per la morte del suo Davide.

Dice la madre:

Lo hanno crocefisso come Gesù: ora voglio giustizia. Ora la mia forza sono gli amici veri, quelli che lo hanno diffamato li voglio fuori Quelli marci oggi sono il marcio del futuro. L'unico colore rosa è quello della sua sensibilità. Se fosse stato gay me lo avrebbe detto, senza avere vergogna o pregiudizi. Lui lo sapeva, io c'ero sempre per lui. La foto su Facebook in cui appariva truccato era di carnevale ma lo hanno voluto deridere e farne un mostro. Non avrò pace finché non avrò giustizia.

Dubbi sulla sua omosessualità da parte della madre ("Se fosse stato gay me lo avrebbe detto") e soprattutto la ricerca comprensibilissima di giustizia verso coloro che lo hanno preso in giro dipingendolo come un mostro.

Via | TgCom

  • shares
  • Mail