Nevrotico, traditore, omosessuale: ecco chi era Giuda

Giuda secondo GiottoNon so come commentare questo stralcio di intervista al “famoso crimonologo e psicopatologo forense, il professor Francesco Bruno”. Per cui la posto direttamente. Notare l'ultima domanda: con naturalezza si associa l'omosessualità a un disturbo sessuale. Qui per leggere tutta l'illuminante intervista.

Professor Bruno, se un Tribunale Le chiedesse una perizia su Giuda, cosa direbbe?
Non ho il benché minimo dubbio, era un nevrotico. Viveva in un perenne conflitto con se stesso, volendo essere il migliore e non potendolo essere. Spesso, dietro al tradimento si nasconde questa volontà morbosa di essere primi sapendo di non averne le capacità.

Giuda è il traditore per eccellenza.
Il tradimento è la forma più abietta ed orribile che possa esistere: chi tradisce, pugnala la persona che ama o vorrebbe amare. Eppure ancora oggi va di moda tradire, cambiare casacca, maglia. Pensi, io sono critico persino con il fenomeno del pentitismo a buon mercato, che non ritengo una collaborazione spontanea da parte dei mafiosi ma l’espressione della loro volontà di trarre un vantaggio personale dalla consegna dei criminali alla Polizia.

Giuda nevrotico: si può parlare anche di persona sessualmente disturbata?
Dietro ogni nevrosi esiste sempre un problema a sfondo sessuale. E diciamo che Giuda, sì, può essere considerato potenzialmente un omosessuale.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: