La deriva qualunquista del gossip omofobico su M2O e le frasi fatte dall'etere

La deriva qualunquista del gossip omofobico su M2O e le frasi fatte dall'etere

Dall'etere, dalla trasmissione La fine del mondo, andata in onda il 18 ottobre su M2O, una vera gossipara, la brava Selvaggia Lucarelli, regina delle blogger, insieme ad Ale Lippi, hanno intervistato un grande ex calciatore, Stefano Tacconi, sul tema: I gay nel calcio.

Quello che è venuto fuori, fra una risata grassa e l'altra, è il solito quadretto svilente, semplicistico, un tantino bigotto. Peccato, perché Selvaggia ha dimostrato più volte di essere bravissima nell'inversione di tendenza, nel punto di vista fuori dagli schemi, soprattutto sulle questione femminili.

Prese le distanze dal vituperato totogay di Alessandro Cecchi Paone, Tacconi si lancia in una deriva qualunquista, di frasi fatte:


  • son cavoli loro non sanno cosa perdono

  • la saponetta mi è caduta tante volte e nessuno l'ha raccolta

  • Il calcio è maschio. Che ci vuoi fare?

I tre si sono prodotti infine in una lunga sequela di pagelle, previa lettura di formazioni, tentando di inquadrare il grado di femminilità dei calciatori.

Diciamo che non vado matta per le illazioni, magari inopportune di Alessandro Cecchi Paone, e del suo suo insistente Totogay calcistico, ma per una ragione: mi infastidisce, democraticamente, il pettegolezzo. Comprendo, ma non condivido, il tentativo di smuovere le acque del conduttore-scrittore, che da uomo di cultura non può pretendere di fare un outing forzato. Ma vorrei spiegare che per placare le polemiche e le presunte "chiacchiere" di Cecchi Paone basterebbe, rendere il gossip meno omofobico.

Già, perché la discriminazione c'è stata ed è tutta lì: perché il gossip sembra unicamente una prerogativa etero? Vuoi vedere che solo noi etero possiamo spiattellare la nostra sessualità? Si dirà che i tempi non sono maturi, ma certo lo sono per intrecciare e mostrare da pagine di rotocalchi una o più relazioni etero, esibire pancioni, maternità e paternità.

Fare illazioni, presumere flirt: è la vita quotidiana che vuole essere spiata, è la stampa, è la montagna di tirature. Ma nell'ambito uomo-donna, altrimenti diventa scandalo vero, non scoop da strillare in copertina. Diventa insinuazione, anche dolorosa, violazione bella e buona, e non un gioco delle parti, un "ci sta", anzi, come si suol dire "è il prezzo della popolarità". Anche se, com'è accaduto per la figlia del cantautore Vecchioni, Francesca, c'è qualcosa di nuovo, anche nella formulazione della notizia, storia di copertina di un settimanale storico come Oggi. Ma certo, come dice Tacconi, non tocca un ambito "maschio" come il calcio...

Grazie a Valentina per la segnalazione

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: