La bellezza del corpo maschile e la lussureggiante terra siciliana

La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini

La bellezza del corpo maschile è spesso associata a vari immagini che ne esaltano la forza, la muscolosità, l’atleticità. Riccardo Di Salvo e Claudio Marchese istituiscono uno splendido parallelo tra la terra ubertosa e il vigore del corpo maschile. La terra è la Sicilia, un’isola in cui tutto

è un canto sensuale e danzante. Innanzitutto il suo corpo non è piatto, la signora è tutto meno che anoressica. Ama molto il cibo e il sesso. La Sicilia è sinuosa. Dalle pendici dell’Etna ai Faraglioni della riviera dei Ciclopi. Dalle valli etnee a volte rosseggianti di lava, ai bianchi lidi playa che scendono dolcemente fino a inabissarsi nelle acque verdi come le alghe che restano incollate sulla pelle dei bagnanti, come chiome di ninfe alcyonie, la Trinacria appare tutta un curvarsi di crinali arsi dal sole che hanno il colore della sabbia del deserto tunisino, e di macchie di vegetazione pungenti di fichi d’India e profumati di oleandri bianchi, rosa, rosso porpora.

La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini

La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini

In particolare, è l’Etna

il prodigio dello scenario naturale siciliano. Vera e propria “montagna incantata”, per dirla alla Thomas Mann, il vulcano sembra in stato di quiescenza. In realtà è sempre pronto a incazzarsi, a buttar fuori il mostro che si nasconde nelle viscere della terra. E, quando succede, affascina e domina isolani e “cuntinintali”. Capiamo allora perché gli antichi, che avevano un forte senso dell’eros, divinizzarono non solo l’erezione ma anche l’eruzione.

Claudio Marchese e Riccardo Di Salvo ci hanno abituati ai loro bei testi, composti da parole e immagini, e ai riferimenti culturali di cui abbondano. Così nell’articolo dal titolo La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini ci aiutano a vedere la bellezza della Sicilia – sia nella sua conformazione fisica che in quella dei suoi abitanti – anche attraverso gli occhi di scrittori e registi come Pier Paolo Pasolini. In particolare il Pasolini del film Porcile, pellicola che

fece scandalo, quando uscì nel 1969, come del resto accadeva per i precedenti film del genio di Casarsa. Sicuramente è il film più dionisiaco di Pasolini. Racconta due storie parallele in cui il comune denominatore è il cannibalismo, metaforicamente inteso come attrazione perversa per la carne umana, oggetto di desiderio, ma anche di appetito. L’aspetto che sicuramente inquietò di più la censura è l’attrazione sessuale per i porci, gli animali considerati i più laidi del genere. Il film girato sul terreno lavico e scabroso dell’Etna, è un’allegoria della società umana, sia arcaica che moderna. «La società, ogni società, divora sia i figli obbedienti che i figli né disobbedienti né obbedienti» (Pier Paolo Pasolini).

La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini
La forza vulcanica della terra e la potenza dionisiaca dell’opera di Pasolini

© Foto di Fabrizio Cavallaro
da un'idea di Riccardo Di Salvo
art director Riccardo Di Salvo
modelli: Salvatore Natangelo, Massimo Ficicchia, Dario Borzì, Giuseppe Cannavò, Cristiano Cuccia, Manuel Sully, Tony Caniglia, Rosario Giuffrida

  • shares
  • Mail