UK: adolescente iraniano rischia la deportazione

Un altro asilo negato, un'altra (possibile) vittima della pena di morte e dell'omofobia in Iran. Un adolescente iraniano, Seyed Mehdi Kazemi, rischia di essere deportato in Gran Bretagna e da lì in Iran, dove quasi certamente sarà giustiziato per la sua omosessualità.

L'associazione EveryOne ha lanciato un appello a tutta Europa per scongiurare il rientro in patria di questo giovane, che ha altissime probabilità di essere impiccato come altri adolescenti prima di lui, solo a causa del suo orientamento sessuale. Mehdi si era trasferito a Londra per motivi di studio, ma aveva deciso di fermarsi lì dopo che il suo amico Parham è stato incarcerato e poi giustiziato con l'accusa di lavat (sodomia). Prima di morire, Parham era stato costretto a rivelare i nomi dei ragazzi con cui aveva intessuto relazioni e quindi a denunciare l'amico Mehdi.

Ciononostante le autorità britanniche hanno respinto la sua richiesta di asilo e gli hanno ingiunto di rientrare in Iran. Il ragazzo ha tentato di fuggire in Canada, ma è stato bloccato in Germania: lì, sentita la sua storia, lo hanno spedito in Olanda, paese che ha una buona tradizione di difesa dei rifugiati. Adesso però il governo britannico ha chiesto l'estradizione di Mehdi, che sarà portato a Londra e da lì in Iran. Con quale destino, purtroppo lo immaginiamo tutti.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: