I "cinque sessi" della Gardini

Clamoroso! Elisabetta Gardini ci spiega, in un'intervista rilasciata a Play Radio, i segreti progetti delle lobby glbtq italiane:

Lo ha detto anche l'on Grillini: il loro obiettivo è che vengano riconosciuti i cinque sessi. E’ un altro modo per scardinare la nostra società, perché se io riconosco per legge che l’on Gudagno è donna vuol dire che dò la stura a tutte quelle forme di matrimonio a cui loro tendono e che la famiglia potrà essere fatta da due uomini, da due donne che potranno adottare figli e tutte queste cose qui.

Quali possano essere mai questi famigerati cinque sessi, rimane per noi un mistero. Cosa c'entri poi la richiesta di un riconoscimento delle forme alternative alla famiglia tradizionale eterosessuale con questa audace idea di creatività sessuale non ci è dato sapere. (Qualcuno, in ogni caso, le spieghi che nella realtà già esistono famiglie arcobaleno, anche se non ancora riconosciute a livello legale.)

Posso concordare con Gardini solo sul fatto che il faccia a faccia tra lei e Vladimir Luxuria nel bagno di Montecitorio è una questione di igiene. Ci deve essere infatti un bel po' di sporco accumulato tra i suoi neuroni perchè l'onorevole ex-conduttrice sia capace di concepire simili arzigogolate elucubrazioni, di una violenza verbale direttamente proporzionale alla sua ignoranza. Se mi è consentito rivolgerle una domanda: perchè tanto astio? Di che ha paura?

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: