Deputato cileno afferma che la presenza dei gay nell'esercito farà sì che il Cile sia invaso

Il deputato cileno Ignacio UrrutiaDurante un congresso delle forze armate cilene il deputato Ignacio Urrutia (in foto), della destra Unión Demócrata Independiente, ha affermato che se si permetterà l'ingresso dei gay nell'esercito, il Cile sarà invaso dal Perù e dalla Bolivia.

Le sue affermazioni hanno provocato l'indignazione di molti, soprattutto visto il cammino che il Cile sta facendo per combattere l'omofobia a seguito dell'efferata uccisione del giovane Daniel Zamudio, avvenuta, come ricorderete, a marzo 2012.

Ma il deputato ha pensato bene di continuare sulla sua linea e, non solo non ha chiesto scusa, ma è tornato sull'argomento affermando che gli omosessuali non sono veri uomini e nemmeno donne, che i gay sono omuncoli che “non hanno coraggio sufficiente per difendere il nostro paese”.

Il collettivo lbgt cileno ha iniziato una raccolta di firme per chiedere al governo di sanzionare in qualche modo il deputato che con le sue parole non solo ha offeso le persone omosessuali presenti nell'esercito cileno ma ha anche soffiato sul fuoco dell'omofobia, violando la cosiddetta legge Zamudio contro la discriminazione.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: