Una puntata dedicata ai matrimoni gay per il format "Oltre le differenze"

Una puntata dedicata ai matrimoni gay per il format "Oltre le differenze"

Nella puntata di venerdì 12 ottobre di Oltre le Differenze - il format radiofonico dedicato al mondo gay, lesbico, bisex e trans condotto da Natascia Maesi e Oriana Bottini, in onda alle 21 (in replica sabato 13 alle 15) sulle frequenze di Antenna Radio Esse (FM 91.25, 93.20, 93.50, 99.10) e in diretta dal web, si affronterà il tema del matrimonio omosessuale, la comunità LGBTQ grida: "Vogliamo tutto!".

Due i punti di vista a confronto: quello del cittadino comune e quello dell'uomo di legge. Per spiegare come senso civico, cittadinanza e legislazione, procedono e si incontrano, su queste tematiche.

Gli umori della gente verranno raccolti per le strade di Siena, chiedendo pareri sull'estensione dell'istituto del matrimonio anche alle persone omosessuali o comunque sulla necessità di riconoscere dei diritti fondamentali.

Dopo si ascolterà il parere giuridico dell'avvocato Marilisa D'Amico, docente ordinario di diritto all'Università di Milano e prima firmataria dell'appello inviato al Parlamento Italiano dall'associazione radicale Certi Diritti, nel quale si afferma che nella Carta Costituzionale non vi è un divieto ai matrimoni gay. Questo farà luce sulla presunta incostituzionalità del matrimonio fra persone dello stesso sesso.

Poi si racconterà la storia di Alessandro Cresci, consigliere provinciale a Firenze, che si è sposato qualche giorno fa a Oslo con il suo compagno storico, e adesso, in Italia, si rende conto che la sua unione non è valida.

Foto | Oltre le differenze

  • shares
  • Mail