Per il candidato alla Corte Suprema dell'Alabama il matrimonio gay distruggerà gli USA

Roy MooreRoy Moore (in foto) è ritenuto un eroe dalla destra religiosa statuiniense ed è il candidato favorito all'incarico di presidente della Corte Suprema dell'Alabama, stato profondamente conservatore del sud degli Stati Uniti d'America. Moore è il candidato dei repubblicani (in Alabama il presidente della Corte Suprema dello stato è eletto a suffragio universale) e per questo ha fatto sfoggio delle sue posizioni omofobe. Durante un incontro con gli elettori Roy Moore ha sostenuto che

il matrimonio tra persone dello stesso sesso porterà alla distruzione del nostro paese.

Tutti i presenti hanno applaudito a questa perla di saggezza. Visto che c'era Moore ha criticato fortemente i democratici perché sono favorevoli ai diritti delle persone lgbt.

Per inquadrare meglio il personaggio, giova ricordare che nel 2003 fu assurto all'onore della cronaca per una violazione al principio costituzionale di separazione tra chiesa e stato. Allora Moore era presidente della Corte Suprema dell'Alabama – carica per la quale è di nuovo in lizza in questi giorni – e si rifiutò di togliere dalla sede della Corte un monumento ai Dieci Comandamenti. La giustizia federale lo accusò di violare il principio di separazione tra chiesa e stato, ma lui continuò imperterrito sulla sua strada...

Via | Dos Manzanas
Foto | Advocate

  • shares
  • Mail