Papa Ratzinger ribadisce per l'ennesima volta che l'unico matrimonio possibile è quello tra uomo e donna

papa Benedetto XVI

Papa Ratzinger torna a tuonare contro le nozze gay e lo fa in occasione dell'apertura del sinodo dei vescovi sul tema La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana e della proclamazione a dottori della Chiesa di santa Ildegarda di Bingen (1098-1179) e di san Giovanni d'Avila (1499-1569).

Usando un linguaggio tipicamente ecclesiastico, papa Benedetto XVI ribadisce per l'ennesima volta che l'unica unione voluta da Dio sarebbe quella tra uomo e donnna, che è indissolubile e, soprattuto, va bene, solo se è benedetta dal sacramento del matrimonio.

Per il papa

L’unione dell’uomo e della donna, il loro diventare «un’unica carne» nella carità, nell’amore fecondo e indissolubile, è segno che parla di Dio con forza, con una eloquenza che ai nostri giorni è diventata maggiore, perché purtroppo, per diverse cause, il matrimonio, proprio nelle regioni di antica evangelizzazione, sta attraversando una crisi profonda. E non è un caso.

E ancora:

Il matrimonio è legato alla fede, non in senso generico. Il matrimonio, come unione d’amore fedele e indissolubile, si fonda sulla grazia che viene dal Dio Uno e Trino, che in Cristo ci ha amati d’amore fedele fino alla Croce.

Sapete poi perché, sempre secondo il vescovo di Roma, alcuni matrimoni finiscono male? Perché c'è una crisi di fede nella coppia!

Oggi siamo in grado di cogliere tutta la verità di questa affermazione, per contrasto con la dolorosa realtà di tanti matrimoni che purtroppo finiscono male. C’è un’evidente corrispondenza tra la crisi della fede e la crisi del matrimonio. E, come la Chiesa afferma e testimonia da tempo, il matrimonio è chiamato ad essere non solo oggetto, ma soggetto della nuova evangelizzazione.

Discorsi sempre più lontani dalla realtà dei fatti, ma sempre più presenti e pressanti tanto da condizionare la vita politica di intere nazioni, come l'Italia.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: