Tu! Proprio tu. Adesso chi voterai?

Ed eccola. L'unica strada che i politici non dovevano farci percorrere, sarà quella che invece affronteremo: le elezioni anticipate. Non c’è pace. Non c’è una luce in fondo al tunnel. Il governo è caduto e Prodi si è dovuto arrendere. Forse se avesse mostrato di più i denti e sbattuto i pugni sul tavolo, qualcosa sarebbe stato diverso. Ma tant’è! Si ricambia un’altra volta. Tutto da rifare. E l’ironia è che tutto si rifarà con le stesse facce, le stesse parole, le stesse promesse...da marinai!

Una domanda. Cosa voterà adesso la comunità gay? Chi sostenere per essere ricambiati con qualche, anche se pur minimo, diritto? Fallito il sogno delle unioni di fatto, naufragato nel dibattito sterile e nella guerra con i cattolici (istituzioni comprese), quale “sogno” inseguire adesso? Apro questa domanda a voi, per capire in che direzione muoversi.

Se solo avessimo delle idee comuni, dei candidati sui quali investire le nostre aspettative, se riuscissimo a farci sentire con la grande opportunità del voto comune... Forse potremmo ottenere qualcosina in più. Comunque: a chi affidare questo Paese per farci uscire finalmente dal medioevo, che faccia capire a tutti che l'Italia è uno stato LAICO (da quando?), che ci tolga dalla vista il corrotto, o personaggi come Mastella, Calderoli, Schifani, Binetti (di nomi ne avrei molti altri), che riempia il nulla che divora facce e nomi senza storia.

Purtroppo noi italiani scendiamo in piazza per il papa e per il calcio...il resto è come se non ci interessasse più. Ci hanno talmente abituati alla corruzione, alle bugie, alle promesse non mantenute, agli scandali, alle liti, agli insulti, alla volgarità che ormai nulla più ci tocca e ci sconvolge. Ma questo è quello che ci offre la nostra classe politica.

Allora, tu che guardi questo schifo, che strada percorrerai in queste prossime elezioni? Non è ammesso il non voto, perchè una pistola che spara a salve...non serve a nessuno.

  • shares
  • Mail
42 commenti Aggiorna
Ordina: