L'ordine degli psicologi sconfessa i guaritori dei gay

Lo psicologo "non può prestarsi ad alcuna “terapia riparativa” dell’orientamento sessuale di una persona". Parola dell'Ordine nazionale degli psicologi che - codice deontologico alla mano - ha preso posizione sulle terapie di "cura dell'omosessualità", di recente smascherate anche da un'inchiesta di Davide Varì su Liberazione.

Un comunicato netto e senza ombre, quello del presidente Giuseppe Luigi Palma, che fa chiarezza su una serie di comportamenti ambigui messi in campo da alcuni esperti e guaritori condizionati dalle proprie credenze religiose. Queste terapie sono respinte dalla comunità scientifica, ma spesso vengono praticate nell'ombra.

Ben venga dunque la denuncia e la presa di distanze da parte degli psicologi, per stigmatizzare chi si allontana dai princìpi della deontologia, nonostante le proteste del deputato Udc Luca Volontè. Adesso sarebbe bene che anche l'ordine dei medici seguisse la stessa strada.

“Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro che si avvalgono delle sue prestazioni; ne rispetta opinioni e credenze, astenendosi dall’imporre il suo sistema di valori; non opera discriminazioni in base a religione, etnia, nazionalità, estrazione sociale, stato socio/economico, sesso di appartenenza, orientamento sessuale, disabilità. È evidente quindi che lo psicologo non può prestarsi ad alcuna “terapia riparativa” dell’orientamento sessuale di una persona”.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: