Barack Obama vince anche se contro i matrimoni gay, Rudy Giuliani perde perchè pro gay

Barack ObamaBarack Obama provoca sentimenti contrastanti. La sua provvisoria vittoria alle primarie democratiche nell'Iowa lascia dubbi e perplessità su una possibile sua candidatura alle presidenziali. Ma proviamo prima ad isolarci dall'ambito prettamente politico.

Quest'uomo afro-americano, per avere quasi 47 anni, è una gran bell'uomo. Certamente ha un piglio giovanile, un fare affascinante e si distacca dal modello di politico in ascesa già morto e sepolto al quale siamo abituati.

Purtroppo invece a contenuti qualcosa non va. Non è completamente su posizioni contrastanti verso il mondo gay come Mitt Romney (con tutto il timore delle associazioni omosessuali statunitensi, nonostante sia sfavorito dall'elettorato a prescindere da questo punto), anche Barack sembra non propriamente aperto di prospettive rispetto ai matrimoni gay, ai quali risponde seccamente "No, grazie".

La cosa tristemente divertente (ma anche tristemente e basta) è che l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani, repubblicano vive nella consapevolezza di una complessa vittoria alle primarie per un preciso motivo: ha posizioni relativamente aperte su gay e aborto.

Come dire che oggi sostenere gli omosessuali non sia conveniente per l'ascesa al potere. Nulla di nuovo, nemmeno negli Stati Uniti.

Via | Panorama + Babilonia

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: