Uganda: regista arrestato per il suo spettacolo contro l'omofobia

David Edwards Cecil

Il regista teatrale inglese David Edwards Cecil è stato arrestato con l'accusa di aver infranto la sezione 117 del Codice Penale ugandese che vieta ogni manifestazione pubblicata, come pure articoli, libri, film, documentari e rappresentazioni teatrali a favore dell'omosessualità. Cecil, infatti, ha violato la legge per avere portato in scena un dramma dal titolo The River and the Mountain.

La pièce, scritta a quattro mani con Beau Hopkins da anni residente a Kampala, racconta delle difficili condizioni di vita di una lesbica che è vittima di razzismo sessuale, di emarginazione e di persecuzione da parte della polizia. Nel cast anche Angela Emunwon.

Il National Theatre, dopo aver concesso il permesso per l'allestimento, l'ha dovuto annullare per esplicito divieto delle autorità municipali. Gli autori allora hanno affittato sale in vari alberghi dell'Uganda e hanno portato in scena lo stesso la loro opera.

Dopo l'arresto, il regista è comparso subito dinanzi alla Corte dove l'accusa è stata ufficializzata: “rappresentazione teatrale non autorizzata e incoraggiamento ad atti sessuali devianti”. David Edwards Cecil potrebbe essere condannato a due anni di reclusione. Ora, grazie all'intervento dell'Ambasciata Britannica, il regista è rilasciato su cauzione ma non potrà lasciare il Paese fino alla fine del processo, la cui data iniziale sarà fissata prossimamente.

Via | L'Indro
Foto | Giornalettismo

  • shares
  • Mail