Cristina Kirchner, primera dama gay friendly

Per la prima volta nella storia dell'Argentina una donna è eletta presidente o presidenta, in castigliano. Dove non è riuscita Ségolène Royal - conquistare un'elezione diretta - ce l'ha fatta Cristina Kirchner, sulla scia di un'altra donna, Michelle Bachelet presidente del vicino Cile.

Moglie del presidente uscente, Nestor, first lady, avvocato e senatrice da molti anni, Cristina Fernandez Kirchner ce l'ha fatta, nonostante le critiche e le polemiche che - guarda caso - hanno preso di mira i presunti interventi di chirurgia estetica cui si sarebbe sottoposta. Avete mai visto qualcosa del genere per un candidato uomo?

Comunque Cristina ha vinto e lei è più a sinistra del marito, il quale ha già portato a sua volta una ventata di progresso nel paese, cancellando le leggi di impunità per i responsabili delle torture sotto la dittatura militare. Quanto ai diritti lgbt Cristina ha dichiarato che crede nella libertà di scelta sessuale per uomini e donne di Argentina.

Arriveranno i matrimoni dello stesso sesso? Nonè certo, ma è molto probabile che si estendano a tutto il paese le unioni civili che adesso sono in vigore a Buenos Aires.

  • shares
  • Mail