Mille unioni civili in Nuova Zelanda

In Italia si vietano anche le trascrizioni dei matrimoni dello stesso sesso celebrati all'estero e i Cus - l'ultima incarnazione delle unioni civili dopo Pacs e Dico - giacciono lettera morta in commissione Giustizia al Senato.

In Nuova Zelanda, invece, il governo celebra 1000 unioni civili, l'alternativa al matrimonio che dall'altra parte del Pianeta è aperta sia alle coppie gay che a quelle etero: ogni cinque unioni, però, sembra che 4 siano dello stesso sesso. Ed è logico, visto che gli etero possono in più anche sposarsi.

Anche questa soluzione non è proprio l'ideale - rimane una quota di discriminazione verso gay e lesbiche - ma è già lontana anni-luce dalle condizioni che viviamo qui in Italia.

  • shares
  • Mail