Roisin Murphy è una vera dancing queen

Dopo Pj Harvey, proseguiamo con le novità discografiche delle icone “minori”. È uscito da pochi giorni “Overpowered”, il secondo lavoro solista di Roisin Murphy, ex cantante dei Moloko.

Anticipato da due bei singoli – l’electro anthem che dà il nome all’intero Lp e la traccia piano-house “Let me know” –, il disco è una miscela ben riuscita di funky dance, elettronica e pop, con l’inconfondibile voce dolce e graffiante di Roisin che fa da grazioso collante.

Facendo un giro su MySpace, si nota quanto l’adorabile irlandese sia idolatrata da decine di gay che riescono ad ascoltare qualcos’altro che non sia Madonna. In effetti, la nostra ha tutte le carte in regola per diventare un’icona a tutto tondo: un fisico da modella strafica (e almeno lei non è nana!), un look iper glamour condito di ironia, una passione per il dancefloor, un tocco retro-futuristico e quell’attitudine camp che piace tanto al pubblico frociesco. In più, lei ha talento da vendere, qualità che non sempre è necessaria per assurgere al ruolo di icona.

Durante l’ascolto del disco, inevitabili e palesi emergono i richiami alle dancing queen storiche come Donna Summer e Billie Ray Martin, ma anche a Kylie Minogue e Alison Goldfrapp.

E, ovviamente, è impossibile prescindere da “Confessions on a dancefloor”, pietra miliare e cifra di riferimento del disco-pop nel 21esimo secolo, di cui “Overpowered” potrebbe essere considerato un proseguimento un po’ più raffinato.

In attesa di vederla in concerto in Italia, il 7 novembre ai Magazzini Generali di Milano e l’8 al Circolo degli Artisti di Roma, guardiamoci il video di “Let me know”, dove Roisin gioca a fare la diva demenziale in un classico diner americano. Riuscireste a pensare a qualcosa di più gay?

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: