Sondaggio semi serio sull'essere gay ovvero allegro

In questi giorni con Miss Italia è impazzata la polemica sul lato b della vita.

Ovviamente a Salsomaggiore si riferivano ad un lato ben preciso dell'essere umano, la cosa mi ha stuzzicato un pò di riflessioni e ho iniziato a pensare anch’io al alto b della vita, non da un punto di vista fisico, a quello che c'è davvero dietro la maschera, a come appariamo, alla vita di tutti i gironi.

A stimolare la riflessione ammetto che non è stata l'ennesima edizione del concorso, a cui avrei voluto partecipare solo per poter finalmente dire la mitica frase che sento da quando ero un piccolo omettino- nel senso di piccolo gay- che sognava quella fascia, quella corona, quel momento di gloria immensa: per me questo e' un gioco, non avrei pensato mai di arrivare fino in fondo, mi sono iscritta per divertimento, il mio sogno dato che amo gli animali e di diventare veterinaria*, ogni volta che una di loro lo dice, dall'alto di tacchi 12 che sfidano le leggi dell'equilibrio conosciuto all'uomo, inguainate in abiti strizzatissimi, ricoperte di diamanti, oliate che manco i frittelli di patate che fa mia madre a Natale,sento il brivido.

Dicevo a stimolare la mia riflessione sono i fatti che accadono ogni giorno e, i motivi di cuore che mi stanno dilaniando in questo momento.

I fatti li potete leggere qui aggiornati day by day l'ultimo in ordine di tempo è la storia del tavolo dei ricchioni, ma anche tutti quelli più seri, storie di ordinaria discriminazione e disperazione in cui mi imbatto ogni giorno rispondendo al telefono di un associazione di cui non vi dico il nome.

Tutto questo riflettere mi ha portato a pensare ad un sondaggio semiserio a cui spero risponderete numerosissimi

Seguendo il metodo americano definirò gay sia gli uomini che donne.

  • shares
  • Mail