Un autografo da Rupert Everett scrittore

Tutti i vip hanno le loro manie e da Sharon Stone, Julia Roberts, Madonna e Andy Warhol, per fare qualche nome, hanno ora un interprete eccellente: pettegolo come nel miglior stereotipo gay, Rupert Everett mostra di aver tanto da dire sui suoi colleghi, oltre che su di sé. Sono gustosi infatti gli argomenti snocciolati in “Bucce di banana”, l’autobiografia dell’attore di “Another country”, che si propone come una vera e propria commedia brillante condita con leggendario humour inglese.

Dopo la sua presenza alla Mostra del Cinema di Venezia in qualità di giurato, Everett ieri ha fatto tappa a Roma, per presentare il libro, uscito nel nostro paese a fine agosto per i tipi di Sperling&Kupfer. Si è presentato in tenuta sportiva in una libreria del centro, con pantaloni della tuta e canottiera bianca (e non si può dire che non sia sexy).

L'attore ha dedicato una mezz'ora ai fan romani, che erano, come da copione, in delirio. Tanti autografi e foto, ma nessuna intervista rilasciata ai giornalisti: solo risposte sbrigative. Una curiosità: pare che Rupert, che evidentemente è un ragazzone beneducato, ringraziasse ogni persona che si presentava con il suo libro tra le mani per un autografo.

Via | ansa

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: