Per Enzo Carra (UdC) i conviventi, di qualunque orientamento sessuale, devono essere tutelati

Per Enzo Carra (UdC) i conviventi, di qualunque orientamento sessuale, devono essere tutelati

Enzo Carra, deputato UdC, è a favore di una legge che tuteli le persone che convivono, indipendentemente dall'orientamento sessuale. Afferma:

A prescindere dagli orientamenti sessuali, chiunque conviva con altre persone, non vogliamo neanche sapere con chi e perché, deve avere gli stessi diritti garantiti dai matrimoni.

Dichiarazioni diametralmente opposte a quelle dei Casini dell'UdC: Pier Ferdinando, infatti, si è scagliato contro i matrimoni gay e Carlo ha detto che sono un errore della storia.

È cosciente, Enzo Carra, che i suoi compagni di partito la pensano diversamente, e infatti dice a Klaus Davi:

Certamente l’UdC è un partito che su questo punto ha avuto delle remore, delle difese, delle perplessità maggiori rispetto ad altri. Sulla questione del matrimonio gay c’è una Costituzione che parla di famiglia che non è stata superata. Su questa posizione si può arrivare senza stratagemmi, senza altri percorsi avviati nel 2006 e nel 2008.

Quali le soluzioni secondo Carra?

Ad esempio, con una legge sull’omofobia che abbia dei puntelli molto chiari e ben strutturata. Su queste leggi dobbiamo essere chiari, così come in altre, come per esempio quella sulla corruzione. Che si approdi a un discorso corale, importante, che non vada soltanto sui giornali o nei clan più o meno di una parte o dell’altra.

Belle parole, anche se non dobbiamo dimenticare che alla Camera per ben due volte, l'UdC, capitanato da Rocco Buttiglione, ha affossato la legge contro l'omofobia con le pregiudiziali di costituzionalità.

Conclude Enzo Carra:

L’Italia non è mai stato un Paese bacchettone.

Pensate un po' se fosse stato bacchettone...

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail