Cile: il presidente promulga la “legge Zamudio” contro la discriminazione

Cile: il presidente promulga la “legge Zamudio” contro la discriminazione

Il presidente del Cile, Sebastián Piñera (in foto), ha promulgato la legge contro la discriminazione, comunemente nota come legge Zamudio, in omaggio al giovane gay Daniel Zamudio vittima di una brutale uccisione la cui morte ha fatto sì che la legge procedesse spedita verso l'approvazione, dopo che erano anni che giaceva in parlamento.

Durante la cerimonia di promulgazione, Sebastian Piñera ha reso omaggio a Daniel Zamudio evidenziando come la sua uccisione abbia sensibilizzato l'opinione pubblica e la classe politica. Dinanzi ai genitori di Daniel – Jacqueline e Ivan – il Presidente ha sostenuto che

non possiamo dimenticare che fu solo dopo il crudele assassinio di Daniel Zamudio, morto proprio per via della discriminazione, dell'odio e dei pregiudizi, che il Cile si è deciso a compiere un passo in avanti nella costruzione si una società più giusta, più inclusiva, più accogliente per ognuno dei nostri compatrioti.

A Piñera ha fatto eco Catalina Parot, ministra dei Beni Nazionali, che si è riferita anche alla sua condizione di disabilità fisica dovuta alla poliomelite:

Sono certa che da domani il Cile sarà un paese migliore. Capiremo sempre più che la differenza non deve spaventarsi, le differenze ci arricchiscono, sono fondamentali perché ognuno di noi sia veramente un essere umano. Non saremmo umani se fossimo tutti uguali: a quel punto saremmo solo delle macchine! Apprezzo la differenza, vivo la mia diversità e mi sento orgogliosa di essa.

Nel corso della cerimonia è stato trasmesso il video che trovate qui sopra, con testimonianza di varie discriminazioni.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: