Don Lurio, un pezzo di storia della nostra tv

Don Lurio è stato uno dei grandi protagonisti della televisione italiana. Fin dalla sua prima apparizione in rai nel 1959, la sua abilità di ballerino, l’immediata simpatia che suscitava nel telespettatore e quella sua verve che bucava ogni volta il teleschermo, gli hanno assicurato un posto davvero speciale nella storia della nostra televisione. Nato e cresciuto in America in una famiglia di origine italiana, Don Lurio ebbe la fortuna di studiare con il grande Bob Fosse, lavorare con lo straordinario Roland Petit e conquistare una città difficile come Parigi grazie alla rappresentazione di "Appuntamento mancato" di Francoise Sagan.

Qui da noi, il suo nome è legato invece a spettacoli leggendari, entrati ormai nel mito televisivo, come Studio uno o Canzonissima, anche se il suo curriculum è in realtà chilometrico ed abbraccia quarant’anni pieni di storia della nostra televisione.

Negli anni novanta, il coreografo, dopo la morte del compagno per aids, dovette affrontare anche una lunga e difficile battaglia legale per questioni di eredità; un diritto che gli veniva contestato (e certo non ci sorprendiamo) dai parenti del defunto. Una vicenda che aveva allora interessato diverse riviste e quotidiani, puntando i riflettori su un problema grave ma allora pochissimo dibattuto. Don Lurio è morto nel 2003 all’età di 69 anni.

  • shares
  • Mail