Diritti gay: Louis-Georges Tin in sciopero della fame per chiederne il rispetto

Louis-Georges Tin, inventore della Giornata Internazionale contro l'Omofobia e la Transfobia

Tre persone hanno iniziato da diversi giorni uno sciopero della fame per richiamare l'attenzione del presidente francese, François Hollande, e ottenere che promuova nelle Nazioni Unite la fine delle leggi che criminalizzano l'omosessualità e far sì che i diritti gay siano rispettati. Si tratta di Louis-Georges Tin, originario della Martinica e fondatore della Giornata Mondiale contro l'Omofobia e la Transfobia (IDAHO, secondo la sigla in inglese) e di altri due membri del comitato dell'IDAHO, Alexandre Marcel e Usaam Mukwaya (quest'ultimo rifugiato gay dall'Uganda). Hollande si era impegnato a introdurre una risoluzione in tal senso, però Tin e colleghi pensano che potrebbe metterci troppo tempo o anche dimenticarsi dell'impegno assunto.

Louis-George Tin si è incontrato con Hollande il 10 maggio scorso e, a quanto pare, questi gli avrebbe promesso di promuovere presso le Nazioni Unite una risoluzione che vincolasse maggiormente gli stati membri nella lotta all'omofobia. Secondo Tin, Hollande starebbe tergiversando sull'impegno preso. Stando ad alcuni media, Louis-George Tin sarebbe troppo radicale nelle sue richieste, considerando che Hollande è stato eletto da poco. Ma secondo gli attivisti Hollande deve mettere in pratica quanto prima la sua promessa perché

Si tratta di un'emergenza: senza l'appoggio degli Stati Uniti non sarà possibile alcuna risoluzione in tal senso. Ma potrebbe succedere che a novembre vincano i repubblicani e, se questo dovesse accadere, non ci sono da sperare appoggi.

Ricordiamo che il libro di Louis-Georges Tin L'invenzione della cultura eterosessuale è disponibile in italiano per i tipi di duepunti edizioni.

  • shares
  • Mail