USA, ecco le città più LGBT-friendly

La Human Rights Campaign, come accade ogni anno, ha appena diffuso l’elenco aggiornato della città degli Stati Uniti d’America ritenute più LGBT-friendly a partire da una serie di elementi - leggi municipali, politiche sociali e servizi per le persone LGBT che vi risiedono o vi lavorano - che vengono poi tradotti in un punteggio da 0 a 100.

In queste edizione 2016 sono state prese in considerazione 506 città degli USA, 98 in più rispetto all’edizione precedente e oltre 350 in più rispetto al 2012, anno in cui è stato lanciato il Municipal Equality Index (MEI).

Ad ottenere il punteggio massimo sono state ovviamente le grandi città come New York, San Francisco e Boston, ma sorprende scoprire che ci sono ben 37 città, ribattezzata All Star Cities, riuscite a ottenere tra gli 85 e i 100 punti pur trovandosi in Stati in cui non sono presenti leggi che vietano o puniscono la discriminazione delle persone LGBT.

Tra queste - qui trovate l’elenco integrale - figurano:


  1. Phoenix, Arizona

  2. Orlando, Florida

  3. Atlanta, Georgia

  4. Indianapolis, Indiana

  5. New Orleans, Louisiana

  6. Louisville, Kentucky

  7. Detroit, Michigan

  8. St. Louis, Missouri

  9. Missoula, Montana

  10. Cincinnati, Ohio

  11. Philadelphia, Pennsylvania

  12. Austin, Texas

  13. Arlington, Virginia

A far salire il punteggio per queste città sono stati una serie di fattori importanti per la comunità LGBT, come l’elezione di un politico gay o l’offerta di servizi per le persone con l’HIV.

Chad Griffin, presidente della Human Rights Campaign, ha spiegato:

Quest’anno decine di città degli USA hanno mostrato di volersi impegnare per le persone LGBT nelle loro comunità anche quando i governi non lo stanno facendo.

municipal-equality-index-2016.jpg

  • shares
  • Mail