Gay Pride di Gerusalemme: è morta una delle ragazze ferite

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:65:"Gay Pride di Gerusalemme: sei persone accoltellate (video e foto)";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:1259:"

Shira Banki, una delle ragazze accoltellate nel corso del Gay Pride di Gerusalemme lo scorso 30 luglio, è morta. Aveva sedici anni e non ce l'ha fatta a sopravvivere. Fin da subito le sue condizioni era risultati gravi: la polizia, infatti, aveva fatto sapere che le ferite Shira Banki erano particolarmente gravi.

Nel commentare la notizia della morte di Shira Banki, il premier Benyamin Netanyahu ha affermato che lei è morta in difesa del diritto di ognuno di vivere la propria vita con dignità.

Gli altri cinque feriti dell'assurda aggressione da parte di un ebreo ultraortodosso non sono in pericolo di vita.

Gay Pride Gerusalemme 2015

";i:2;s:1614:"

Gay Pride di Gerusalemme: sei persone accoltellate (video e foto)


30 luglio 2015 - Il Gay Pride di Gerusalemme si tinge di sangue: sei persone, infatti, sono state accoltellate e alcune versano in gravi condizioni. Tra le persone accoltellate c'è anche un agente di polizia.

L'attacco è avvenuto nella zona est della città, nella via Keren ha-Yesod, non lontano dalla residenza ufficiale del premier Benyamin Netanyahu che, dal canto suo, ha immediatamente condannato quando avvenuto affermando:

Si tratta di un evento molto grave. I responsabili saranno puniti con rigore. Le libere scelte di ciascun individuo sono uno dei valori base in Israele. Dobbiamo far sì che tutti in Israele possano vivere in piena sicurezza, quali che siano le loro scelte

A quanto è dato di sapere, in relazione all'aggressione è stato arrestato un ebreo ultraortodosso. Si tratterebbe della stessa persona che dieci anni fa aveva colpito al Gay Pride ed era uscito dal carcere da poco. Tuttavia il capo della polizia non si è sbilanciato e ha affermato che “l'ebreo ortodosso arrestato è già noto alla polizia”.

La stampa ortodossa aveva bollato il Gay Pride come “marcia disgustosa”, tuttavia i rabbini avevano invitato di ignorarla “per non esporre i timorati a quel genere di degrado”: sembra, quindi, che l'attacco al Gay Pride di Gerusaemme sia più un'iniziativa di singoli. ";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail