Svezia: anche i conservatori vogliono il matrimonio gay

Stoccolma. In questi mesi molte volte si è detto che la caduta del governo Prodi sarebbe stata causata da alcuni disegni di legge (come ad esempio i Di.Co), fatti per migliorare la vita di quei cittadini che li votano. Pura utopia. Se così fosse, il dibattito politico non sarebbe così…stagnante.

Non tutti i paesi, menomale, vivono in funzione di un sistema politico così statico. Secondo quanto pubblicato da gay.tv, la coalizione del ministro conservatore Fredrik Reinfeldt (foto) potrebbe essere messa a rischio proprio dalla legge grazie alla quale il matrimonio potrebbe essere aperto a gay e lesbiche. Dal momento che il 46% degli svedesi supporta il progetto di legge, gli otto ministri pronti alla rivolta chiedono pubblicamente al leader di sostenere il matrimonio omosessuale.

Attualmente le unioni non eterosessuali sono disciplinate grazie al civil partnership act, in vigore dal 1995. Pura fantascienza, per l’Italia.

  • shares
  • Mail