Scopriamo le amanti di Magalli

Foto da https://www.polotecnologico.itSu Libero quotidiano di qualche giorno fa è stata pubblicata l’intervista della brava giornalista Alessandra Menzani a Giancarlo Magalli. Più volte Magalli ha dichiarato cose senza senso, come quella di accostare l’omosessualità alla pedofilia durante una puntata di Piazza Grande.

Leggendo l’intervista su Libero, quello che emerge è la rabbia, la delusione, la voglia di sparare a zero… un po’ istericamente, totalmente volontariamente. Questa volta Magalli lancia un’accusa forte e chiara ad alcune colleghe che lavorano in Rai, dichiarando che le trasmissioni del mattino sono condotte dalle amanti, “da donne la cui radice va cercata più negli affetti che nel lavoro” e continua “c’è di buono che si riconoscono facilmente”; incalzato dalla Menzani chiarisce ancora “basta guardare le trasmissioni estive e quelle del mattino molto presto. E’ facile, se ci pensa”.

Sarà stata la fretta, sarà che forse la Menzani considerava l' intervistare Magalli meno interessante che spalmare maionese su centinaia di tartine, tant’è che non affonda. Lascia stare. Cambia discorso e chiede chi sono i migliori della tv secondo Magalli. Peccato. Occasione persa. Proprio nel momento in cui l’intervista ad un personaggio noioso che lamenta il poco spazio che la tv gli concede da tempo (ormai tutti vanno in processione dai giornalisti o nei programmi pomeridiani a lamentare la stessa cosa) e che quindi non porta nulla di nuovo al contenuto, proprio nel momento in cui l’acidità di Magalli tocca il livello massimo, Alessandra lascia la giugulare e decide di cambiare discorso. Ma ormai mi aveva incuriosito.

Preso dal mio animo da “crocerossino”, decido di soddisfare l’acidità di Magalli. Rendere giustizia al suo sfogo di escluso dai giochi del successo Rai. Non gli danno la prima serata? Sanremo? La lotteria? Trac, eccolo accusare la Rai di essere ormai piena di amanti che proprio non se ne può più. Mi informo sulla programmazione Rai. I programmi del mattino presto, qui si nascondono le donne la cui radice va ricercata negli affetti. Decido di tralasciare la programmazione che va dalla notte alle 5 del mattino. Se una si concede come amante per fare carriera e si becca una trasmissione prima delle 5 del mattino…o è racchia o si è concessa all’usciere di via Teulada scambiandolo per un capo struttura.

Guardando il palinsesto estivo, purtroppo non emergono così tante donne. C’è una certa Sonia Grey, in Uno mattina estate e volto noto in Sabato Domenica e. Guardando il suo cv leggo che è da 14 anni che fa tv, prima in Mediaset poi in Rai. Non conosco artisticamente Sonia Grey e quindi non posso giudicare. Nel mio cervello il dubbio: Magalli si riferiva a lei? Ma andiamo avanti. Non voglio cadere nella trappola della condanna gratuita e insensata.

Sempre in Unomattina trovo Eleonora Daniele, che molti di voi ricorderete come concorrente belloccia e noiosissima del GF 2. Strabiliante carriera. Da bancaria e indossatrice senza troppe pretese, dopo la casa del GF, Eleonora non ha mai smesso di lavorare. Tv, Fiction, sia in Rai che in Mediaset, spalla giornalistica e particolarmente paziente di quel vulcano di “bip” di Luca Giurato. Un personaggio talmente di punta da non essere neanche inserito nella lista dei personaggi sul sito stesso della Rai. Chi non storcerebbe il naso nel vedere una che dal Grande Fratello passa a condurre Unomattina. Ma non voglio cadere nei luoghi comuni. Bella e scema. Bionda e facile. Mi astengo, ma la domanda anche questa volta nasce spontanea: Magalli si riferiva a lei? Ma perché la Menzani non ha preteso i nomi. Mi avrebbe risparmiato questa fatica. Spulciando la programmazione Rai del mattino presto, non riesco a beccare altre donne.

Sul sito di mamma Rai, l’elenco dei personaggi è lungo ma guardandolo attentamente quelle che fanno dubitare sui rapporti affettivi conducono o si affiancano alla conduzione di programmi pomeridiani, e Giancarlo, nei suoi chiari indizi, ha parlato di trasmissioni al mattino presto…molto presto. Quel furbacchione ha voluto scherzare? E’ una delle sue uscite infelici e senza senso? Una crisi isterica dovuta alla mancanza di considerazione di Del Noce? Questa ultima riflessione trova una posizione dominante quando, vedendo la trasmissione Markette, Piero Chiambretti intervistando Del Noce e riferendosi a questa stessa intervista a Giancarlo Magalli, chiede cosa ne pensa in qualità di direttore, e Del Noce senza peli sulla lingua risponde: “Magalli era uno che aveva successo in tv tanti anni fa”. A questo punto chiediamo i nomi delle amanti. Per indispettire Del Noce (che offende i presentatori stagionati) e per dimostrare che Magalli non dice cose senza senso…ma le dice con tutta la rabbia, la presunzione, la spocchia di chi ancora si permette di paragonare l’omosessualità a una devianza orribile e indicibile come la pedofilia.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: