Le coppie di fatto nella Capitale

Di.Co si, Di.co no... Qual è la situazione delle coppie di fatto a Roma? Se l'è chiesto il quotidiano online RomaOne.it, che ha pubblicato un'inchiesta (in due parti, la potete leggere qui e qui) sull'istituzione dei registri nei vari municipi, intervistando i protagonisti.

L'unico municipio ad avere al momento attivato il benedetto registro è il X, in seguito a una delibera del consiglio di un anno e mezzo fa. Alfredo Capuano, assessore agli Affari Sociali nella circoscrizione e primo firmatario della delibera, ha spiegato:

Finora si sono registrate quindici coppie: sei etero e nove gay. L'iscrizione ha effetti pratici come l'assistenza alloggiativa e l'iscrizione dei bimbi al nido, ma è importante soprattutto per il valore simbolico di lotta per i diritti civili.

Ma non è finita qui: la proposta di istituzione del registro è al vaglio anche nei munici IV e VI. Nel primo dei due non è arrivata ancora in Consiglio, perché il presidente Alessandro Cardente vuole renderla più consistente in modo da ottenerne l'immediata approvazione. Nel VI, invece, è stata scelta un'altra strada, approvando un ordine del giorno che permette di registrare all'anagrafe le unioni affettive.

  • shares
  • Mail