Giappone: gay pride per chiedere l'uguaglianza matrimoniale

Il Pride che ha attraversato la capitale del Giappone ha chiesto a gran voce la parità matrimoniale per tutti

Giappone: gay pride per chiedere l'uguaglianza matrimoniale

La città di Tokyo, in Giappone, ha ospitato la manifestazione finale del gay pride locale: circa tremila persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali hanno marciato per le strade della città per chiedere maggiori diritti.

Il Pride ha attraversato anche il quartiere Shibuya, che non solo è una zona centrale della capitale, ma dallo scorso mese è l’unica zona in Giappone e riconoscere in qualche modo le unioni tra persone dello stesso sesso. Recentemente, infatti, le autorità della circoscrizione di Shibuya hanno approvato una risoluzione che dà il permesso all’amministrazione locale di rilasciare un “certificato di unione civile” per le coppie dello stesso sesso. Sulla scia di Shibuya anche altre circoscrizioni (come Setegaya) o anche altre città (si veda il caso di Yokohama) stanno lavorando per riconoscere un qualche riconoscimento ufficiale del legame che c’è tra due persone dello stesso sesso.

Ricordiamo che a oggi il matrimonio ugualitario è incostituzionale in Giappone e anche per questo il gay pride ha marciato nel centro città, per chiedere il riconoscimento di questo diritto umano.

Via | Internazionale

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail