J. K. Rowling continua a difendere la comunità LGBT su Twitter

Rispondendo a una domanda via Twitter, J. K. Rowling, la “mamma“ di Harry Potter, ha dato una bella risposta a chi le chiedeva per Silente fosse gay

Anni e anni dopo aver messo la parola fine alla saga di Harry Potter e aver dichiarato che Albus Silente è gay, J. K. Rowling è ancora costretta a dover dare spiegazioni in merito. Ma, visto che parliamo di J. K. Rowling che di classe ne ha da vendere, le sue spiegazioni sono sempre geniali. Su Twitter una fan ha chiesto alla Rowling come mai avesse affermato che Albus Silente fosse gay, dal momento che nei romanzi non c’è nulla che lo mostri tale. E J. K. Rowling ha fornito una risposta da standing ovation:

Chissà, forse perché le persone omossessuali sono… persone?

Lampante, no? I gay sono persone come tutte le altre: eppure alcuni chissà cosa pensano di noi gay (e questo è anche colpa dei mezzi di comunicazione come la tv che ci presentano sempre come macchiette). La fan ha prima ringraziato della delucidazione (“Incredibile risposta… sì, hai tutte le ragioni. Sei fonte di ispirazione!”) poi, resasi conto della pessima figura fatta a livello globale, ha preferito cancellare il proprio tweet. Ma ormai la frittata era fatta.

Non è la prima volta che J. K. Rowling invia messaggi di sostegno per la comunità LGBT. In occasione dello scorso Natale, per esempio, aveva affermato che ad Hogwarts c’è un club per ragazzi LGBT e ha accompagnato il tweet con un’immagine diventata poi virale, accompagnata da questa didascalia: “Se Harry Potter ci ha insegnato qualcosa è che nessuno dovrebbe vivere nell’armadio [espressione per dire che tutti dovrebbero fare coming out, ndr]”

Harry Potter - Gay

Via | Ambiente G

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail