Buon compleanno Mina, icona per tanti gay

Tanti auguri a Mina, la Tigre, che oggi compie 75 anni e per molti gay è una vera e propria icona

Compie 75 anni la Tigre, Anna Maria Mazzini, per tutti un nome breve e intenso: Mina! Con lei sono nate e cresciute generazioni di guerre e di pace, di contestazioni e di serenità. Lei, ha accompagnato l'Italia dal bianco e nero della televisione, al colore, alle nuove tecnologie. Settantacinque anni in sua compagnia nel mondo e, dal 1958, grazie ad una sfida tra amici, sale sul palco della Bussola di Marina di Pietrasanta in Versilia e da lì parte una carriera strepitosa, scintillante. Ecco come lei stessa si ricorda:

...una lungagnona col vestito da cocktail sottratto di nascosto alla madre, saliva sul palco traballante di una balera lombarda. Si ricorda che l'abito era blu e bianco. Lucido. Si ricorda che dopo aver cantato la prima canzone, il titolo? no, è troppo, si arrabbiò, perché la gente applaudiva. “Io canto per me. Cosa c'entrano loro?”. Non aveva le idee chiare. O forse era troppo lucida. Si ricorda che alla fine di quella primissima esperienza scappò via perché i genitori non sapevano... non volevano. A diciott'anni era d'obbligo ubbidire. Ma non l'aveva fatto. E doveva correre subito a rimettere l'abito a posto il più in fretta possibile. Si ricorda che poco dopo, dietro le sue insistenze, il padre aveva convinto la madre: “Tanto, cosa vuoi, durerà qualche settimana questa follia. Lasciamola fare”. La lungagnona invece è ancora qui.

È la Tigre (coniato per lei da Natalia Aspesi, ndr) a ricordare sulla Stampa nel 2008.

Oggi, Mina rappresenta una certa nostalgia di una indimenticabile televisione firmata da Falqui e altri; il sabato sera, con altri mostri come Walter Chari, Paolo Panelli, Corrado, Raffaella Carrà, Alberto Lupo. Spettacoli impensabili oggi, con deliziosi balletti, ospiti come Totò, Mastroianni, Gaber, Alda Merini. Gli anni Rai di Studio Uno, Canzonissima, Milleluci, Teatro 10. Altro che reality, quei sabato diventavano un miracolo con lei a repertoriare le più belle canzoni italiane e straniere, a duettare con altri, a fare una padrona di casa che entrava con stile nelle case degli italiani.

Grande, grandissima Mina, che creò scandalo quando nel 1963 nacque Massimiliano, avuto con Corrado Pani, "illegalmente" e tutta la stampa la additò come pubblica peccatrice. Un periodico la presentò sorridente con una didascalia velenosa: "Cosa avrà da ridere?". Ma i suoi fans le perdonano tutto, perché sanno che non c'è nulla da perdonare ad una signora come Anna Maria Mazzini "Mina". Lei è un miracolo di ugola!

Dal 1961 Mina è all'estero a farsi apprezzare e conoscere e basta poco per ammaliare chi l'ascolta. Molti sono convinti che dopo il ritiro dalle scene, per Mina si prefigga un futuro musicale incerto. Lei, invece sforna dischi, quasi sempre in contemporanea con la fine dell'anno, e ogni volta sbalordiscono per il successo che ottengono e le vendite. Scala le classifiche in men che non si pensi.

Negli ultimi anni, non gli basta più la voce, scrive per diversi quotidiani e periodici, dà consigli e dice a molti gay di essere sereni e felici della loro condizione.

Che dire? Auguri, Mina, auguri di sincero affetto e grazie di cuore per aver allietato tanti di noi con la tua meravigliosa voce. Auguri che dal cuore giungano nuovamente al cuore. Auguri da parte di noi di Queerblog, con l'affetto e la stima che merita. E auguri, credo, da parte dei nostri tanti lettori.

Mina

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail