L'amore è uguale per tutti (lo dicono anche gli scheletri!)

Un esperimento social perfettamente riuscito che mostra come l'amore non conosca distinzioni

È stato caricato in rete un video che sta avendo molto successo. In occasione della passata giornata degli innamorati (14 febbraio, San Valentino 2015) la campagna Love has no labels ha realizzato un esperimento in cui diverse coppie – famiglie, amici, compagni, compagne e via dicendo – si sono baciate. Niente di che, direte. L’esperimento consisteva nel far baciare le persone dietro uno schermo che proiettava i loro scheletri: chi era dinanzi allo schermo, infatti, vedeva solo degli scheletri umani che si avvicinavano e si baciavano o ballavano o facevano altro. Non si poteva certo capire il sesso degli scheletri come anche l’età di chi fosse dietro lo schermo. Poi, a fine esperimento, le persone uscivano da dietro lo schermo ed ecco la sorpresa: a volte erano due donne, o due uomini, o un uomo e una donna, oppure ancora una coppia di genitori, ma anche disabili e via dicendo.

Una realtà lampante, sottolineata da questo gioco che vira sul dark, è vero, ma mostra che alla fine, l’amore è uguale per tutti e che solo i pregiudizi ci fanno vedere le cose come non sono. Due persone che si amano sono due persone che si amano e il loro amore è intenso, forte e rispettabile come ogni amore. Non è perché se ad amarsi sono due uomini allora si tratta di un amore di secondo livello rispetto all’amore tra un uomo e una donna; e lo stesso dicasi per quello tra due donne.

Un video bello e commovente che dovrebbe indurre a riflettere e a guardare veramente quello che c’è al di là delle apparenze. Ma dubito che le persone “dure di cuore” siano capaci di farlo.

L'amore non ha genere

Via | Lez Pop

  • shares
  • Mail