Cina: padre gay chiede l'approvazione del matrimonio ugualitario

Un uomo cinese, sposato con una donna, padre di un ragazzo, a 61 anni ha preso carta e penna e, riconoscendo la propria omosessualità, ha chiesto al governo di approvare le nozze gay

L’omosessualità in Cina continua a essere uno degli argomenti sospesi e che ufficialmente non si vogliono vedere, situazione che porta molti gay e lesbiche a contrarre matrimoni di facciata tra di loro in modo da non avere pressioni familiari e vivere la loro vita in una apparente serenità. Ma qualcosa piano piano si muove.

Nei giorni scorsi, per esempio, un uomo gay, sposato con una donna e padre di un ragazzo, che vive nello Jiangxi – provincia meridionale della Repubblica Popolare Cinese, che si stende dalle rive del fiume Azzurro a nord fino a delle zone collinose al sud – ha scritto una lettera ai membri dell’Assemblea Nazionale Popolare per chiedere la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. La data scelta per l’invio della lettera non è casuale, in quanto in questo periodo si tiene in Cina la plenaria dell’Assemblea Nazionale Popolare in cui vengono discusse ogni tipo di proposte.

Il coraggioso autore della lettera è Lin Xianzhi, che ha sessantuno anni, e che desidera che la sua proposta sia un balzo in avanti per i diritti umani delle coppie dello stesso sesso in materia come l’assistenza medica, l’eredità, la comunione dei beni e via dicendo. Secondo Lin “è ingiusto che i gay non possano sposarsi”.

Nella lettera Lin Xianzhi racconta della sua esperienza di genitore gay nell’accettare la propria omosessualità dopo una fase di negazione e che ora è volontario nell’associazione di genitori, familiari e amici di gay e lesbiche della Cina per aiutare a rendere “normale” la situazione.

La mancanza di legalità del matrimonio ugualitario riguarda oltre cinquanta milioni di famiglie in Cina, ma, senza dubbio, gli esperti legali ritengono molto improbabile che una legge in tal senso venga adottata in un futuro prossimo.

Bandiera della Cina

Via | Ragap

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail