Kenya: due uomini arrestati con l'accusa di omosessualità

Continua la politica del terrore in Kenya nei confronti dei gay: due uomini sono stati arrestati per omosessualità senza che finora siano state addotte prove concrete

Kenya

Due uomini sono stati arrestati nel distretto di Kwale, in Kenya, con l’accusa di praticare l’omosessualità, e rischiano di essere condannati a quattordici anni di prigione, in base alla legge di epoca coloniale britannica che vige nel Paese. L’avvocato difensore denuncia, però, che i suoi clienti sono vittime di molestie della polizia, mentre il tribunale chiede che gli uomini siano sottoposti a umilianti visite mediche per dimostrarne l’omosessualità.

Tutto fa pensare che la detenzione di George Maina Njeri e Caleb Omar Idris faccia parte di una più ampia operazione di polizia per dare un esempio a quanti si recano in Kenya per turismo sessuale, soprattutto quello omosessuale. Sembra, infatti, che siano venuti alla luce dei dati che confermano questa tendenza: soprattutto c’è molto movimento sulle coste del Kenya. Per questo motivo i due uomini sono stati portati dinanzi al tribunale con l’accusa di aver “realizzato atti contro natura”. La polizia sostiene che George Maina Njeri e Caleb Omar Idris abbiano confessato di essere “una coppia sposata”, sebbene il matrimonio tra persone dello stesso sesso sia vietato in Kenya. Inoltre, i poliziotti dicono di avere prove di rapporti contro natura tra i due uomini.

Il giudice George Mungai vorrebbe giudicare questo caso insieme ad altri casi simili, frutto di una capillare operazione di polizia, tra cui figurano quattro stranieri accusati di diffondere pornografia omosessuale tra minori. Mungai chiede anche che i detenuti siano obbligati a sottomettersi a esami medici per provarne l’omosessualità. L’avvocato difensore, David Omuya, dal canto suo sostiene che i suoi clienti sono disposti a collaborare con la giustizia, ma che, allo stesso tempo, sono vittime di “bullismo da parte della polizia, che va contro i loro diritti costituzionali”. Inoltre accusa gli agente incaricati della detenzione di non essersi identificati correttamente e di andare in borghese.

Via | Dos Manzanas

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail