Divorzia la prima coppia gay che si è sposata in Argentina

Alex Freyre e José María Di Bello sono stati i primi due uomini a sposarsi in Argentina, ancora prima che venisse approvato il matrimonio ugualitario: ora stanno divorziando

I protagonisti del primo matrimonio ugualitario dell’Argentina – e di tutta l’America Latina – hanno annunciato il loro divorzio. Dopo quasi cinque anni di matrimonio, Alex Freyre e José María Di Bello mettono il punto fine alla loro relazione.

La foto delle nozze della coppia fece il giro del mondo a dicembre 2009, mesi prima che entrasse in vigore la legge che permetteva il matrimonio ugualitario in Argentina. Da tempo i due uomini erano ferventi attivisti per l’uguaglianza completa della persone LGBT e da quando sono diventati marito e marito sono anche stati visti come personaggi fondamentali del paese. Uguaglianza completa che contempla anche il divorzio, senza che nessuno si scandalizzi o usi la notizia per screditare il matrimonio ugualitario (del resto, quante sono le coppie etero che divorziano?).

Il cammino di Freyre è stato senza dubbio più mediatico ed è diventato presidente dell’Archivo de la Memoria de la Diversidad Sexual. Fedelissimo alla presidente Cristina Fernández de Kirchner recentemente aveva sollevato non poche polemiche per aver twittato messaggi ambigui a seguito dell’assassinio di Alberto Nisman, il giudice che indagava sulla presidente per aver ostacolato la giustizia mettendo in atto un piano per insabbiare le responsabilità dell'Iran nell'attentato terroristico contro un centro ebraico, avvenuto a Buenos Aires nel 1994.

Stando a José María Di Bello (anche lui impegnato politicamente) le difficoltà nella coppia sono cominciate da tempo: “È complicato – ha detto – continuare ad aspettare il momento opportuno per comunicare che sono mesi che viviamo separati e stiamo affrontando il divorzio”. E poi ha chiosato: “La politica fa parte della nostra vita. Alex e io abbiamo le stesse idee in politica, condividiamo idee, progetti e continueremo a batterci ognuno per la propria strada”.

Alex Freyre e José María Di Bello

Via | Ragap
Foto | Facebook

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: