I grandi romanzi gay: “Il bacio della donna ragno” di Manuel Puig, 1976

Un romanzo quello di Manuel Puig che ci conduce in una tetra cella argentina, dove l’omosessuale Luis Alberto Molina ed il prigioniero politico Valentín Arregui Paz sono costretti a convivere. Un confronto quotidiano che porterà i due uomini a toccarsi l’anima.

Il romanzo di Manuel Puig dipinge e racconta una Buenos Aires buia, soffocata dalla dittatura, ma della città in verità poco o nulla si vede, visto che i due protagonisti del Bacio della donna ragno sono chiusi in una tetra prigione argentina. Il romantico e trasognato Luis Alberto Molina, omosessuale arrestato per corruzione di minorenni, ed il caparbio e “duro” Valentín Arregui Paz, prigioniero politico, incarcerato per le sue azioni di disturbo e contestazione pubblica.

Due realtà lontanissime ed apparentemente senza punti d’ incontro che la vita o il destino, se preferite, hanno fatto ritrovare in una squallida cella. Tuttavia poco alla volta, grazie ai vividissimi racconti di Molina che nel buio del carcere fa rivivere i film che nel corso della vita l’ hanno sedotto ed appassionato, le diffidenze, le diversità tra i due uomini si dissolvono.

Uno dopo l’altro i muri divisori cadono, le barriere si sgretolano ed i due prigionieri si avvicinano a tal punto da arrivare a vedere e toccar l’anima dell’altro e questo nonostante la brutalità del regime, la durezza del carcere, le sevizie dei carcerieri.

Molina-and-Valentin-in-Kiss-of-the-Spider-Woman-1

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail