Sanremo 2015, Conchita Wurst "sorpresa" di essere chiamata Tom da Carlo Conti

Vladimir Luxuria ha prima chiesto spiegazioni a Carlo Conti, poi ha contattato direttamente Conchita via Twitter. Ed ecco la verità...

Carlo Conti ha voluto ospitare Conchita Wurst a Sanremo 2015. Una scelta applaudita dalle associazioni Lgbt che avevano apprezzato la decisione del conduttore di ospitare la vincitrice dell'Eurovision Son Contest 2014 proprio sul palco del Teatro Ariston. Lì, la cantante ha eseguito il suo singolo "Heroes" -intorno a mezzanotte- per poi essere brevemente intervistata dal presentatore che, tra le domande, le aveva anche chiesto quanto la barba l'avesse "aiutata". Una curiosità un po' banalotta e nemmeno tropo carina nei confronti di qualcuno che aveva vinto un concorso canoro a livello europeo. Certo, poi aveva aggiunto "oltre alla splendida voce" ma ormai sembrava quasi un'aggiunta in più...

Sul web, però, ha infastidito la scelta di Carlo Conti di chiamare Conchita Wurts con il suo nome da uomo, Tom. Una drag queen si usa sempre chiamarla al femminile poi, se il nome d'arte è proprio quello che l'ha resa nota in tutto il mondo, appare ancora una forzatura maggiore. Così, nella puntata di TvTalk, Vladimit Luxuria ha fatto la domanda direttamente al conduttore del Festival:

Si è rivolto a Conchita Wurst chiamandola "Tom". Per quale motivo? Lavora a Sanremo o all'anagrafe?

Conchita Wurst at the European Parliament

Secondo quanto riportato, sarebbe stata una scelta che avrebbe approvato anche la stessa Conchita. Quindi una decisione comune? Davvero Conchita avrebbe accordato nel farsi chiamare Tom? E perché mai, poi?

A quel punto, Vladimir, via Twitter, ha fatto la domanda esplicita alla Wurst che, senza polemica, ha però ammesso di essere rimasta sorpresa anche lei e che, No, non era nulla di concordato:

4d

A seguire la risposta e il ringraziamento di Vladimir che sembra chiudere "il caso"

luxuria

O no?

Via | TvBlog

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: