Didier Dechamps: “Il rosa è un colore da gay”

Qualcuno sposti le lancette dell’orologio italiano sul 2007, periodo storico in cui teoricamente la società dovrebbe coesistere serenamente con tutte le minoranze.
Non possiamo prenderci una simpatica parentesi dall’attualità (dov’è c’è un etero, c’è casa leggi »), che le dichiarazioni del galletto di turno ci riportano al nostro dovere.
Premesso che per questa settimana tutto ciò che sarà attinente alla Chiesa Cattolica (nello specifico ai preti omofobi e pedofili) sarà oggetto di discussione di Michele Santoro, che per il suo “Anno Zero” vorrebbe il contestato documentario della Bbc, mi sembra giusto dar lustro alle recenti dichiarazioni di Didier Dechamps, allenatore della Juventus.

Didì (questo è il suo soprannome) avrebbe contestato il colore delle magliette per festeggiare la promozione della Juventus.

Secondo Didì, il rosa non è opportuno perché in Francia è il colore dei gay.

Car* Didì, che con questo nomignolo di eterosessuale hai solo la fama che spacci, ho provato a dare un colore alle tue dichiarazioni. Se per te va bene opterei per un marrone, il bianco e nero mi ricorda così tanto Capote…

Fonte: babiloniamagazine.it

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: