Gerardina Trovato: "Mi sono finta lesbica per avere più successo"

gerardina trovato intervista chi

Ero magra, bella. Mi spediscono a Sanremo, categoria "Nuove proposte". All'Ariston il mio look fa tendenza. C'è un però: tutti pensano che io sia lesbica. Sto al gioco. Mi dicono: "Funziona, vendiamo più dischi. Non smentire". Fu la mia rovina. Non so che cosa mi passò per la testa. Avevo accettato di snaturarmi, per il dio denaro.

Ecco l'inizio del racconto fatto da Gerardina Trovato sulle pagine del settimanale Chi, in edicola oggi. Un coming out al contrario, nel quale la cantante racconta l'odissea vissuta negli anni del successo. E degli errori di valutazione commessi:

"C'è stato un momento in cui la mia felicità dipendeva dalla morte di qualcuno. L'amore malato di una donna, la mia assistente, mi ha rovinato la vita. Mi sentivo in trappola e non riuscivo a liberarmi. Mi auguravo che quella donna morisse per poter tornare a vivere. Artisticamente nasco nel 1993 quando mi presento da Caterina Caselli con capelli rasati a zero e coppola in testa. A tracolla, la mia chitarra. Grazie alla finzione messa in scena gli affari andavano bene. Mi trovo anche un'assistente personale. Lavoro sia in Italia sia all'estero. La mia assistente diventa anche interprete, quando sono in giro per l'Europa. Ma succede l'imprevedibile. S'innamora di me. Lei, lesbica dichiarata, si mette in testa di voler cambiare la mia sessualità. Ero in trappola. Cambiavo un uomo al mese, ma per il pubblico tacevo e glissavo sulla mia presunta bisessualità. Ma mi rendo conto che sono vittima di una stalker"

A quel punto Gerardina si affida ad un avvocato e ad un manager diverso, ma le cose non migliorano:

"Prima suonavo con un'orchestra di 47 elementi, avevo un'organizzazione perfetta, ora mi ritrovo con gente incapace, che pensa soltanto a svendermi e a rubarmi i soldi. Mi obbligano nel 2005 a partecipare a Music Farm. Io non stavo bene. Ma loro, forti del contratto che avevano in mano, volevano spremermi come un limone. Accetto, ma la mia voce non funziona, sono sovrappeso, insomma di Gerardina non c'è più nulla"

Ora la cantante si sente finalmente serena

"Sì, Alessandro nonché mio manager e produttore. Insomma, è il mio tutto. Ci siamo innamorati subito. Ho preso i miei vestiti e mi sono trasferita a Verona, da lui. Oggi sono passati quattro anni, stiamo ancora insieme e abbiamo un progetto: fare un docufilm sulla mia vita"

Via | Il Messaggero

Fonte Foto | TM News

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: