USA, pastore battista: "Rinchiudiamo i gay in un recinto, moriranno senza riprodursi e si estingueranno"

Uno pensa di aver sentito il peggio ogni volta che legge una notizia che colpisce il mondo Lgbt ma ogni volta scopre che c'è sempre qualcuno che può indignare ancora di più. È il caso, per esempio, di Charles Worley, un pastore battista omofobo che ha tenuto il discorso nella Chiesa di Maiden, una piccola città della Carolina del Nord.

La sua proposta? Rinchiudere i gay in un recinto elettrificato, come se fosse un bestiame, ma lasciandolo lì per sempre, fino a quando moriranno. Il suo folle discorso prevede la morte e l'estinzione dei gay (?!?):

"Costruiamo un grande recinto...mettiamoci dentro tutte le lesbiche e lanciamo dall'alto il cibo. Facciamo lo stesso anche con i gay ma assicuriamoci che le recinzioni siano elettrificate in modo che non possano uscire... dopo pochi anni moriranno, non potendosi riprodurre"

Ma non finisce qui...

L'uomo ha poi accusato anche Barack Obama che ha appoggiato la libertà di aborto e i matrimoni gay, spiegando che non voterebbe mai per un assassino di bambini e un amante degli omosessuali. La sua predica è stata registrata ed è finita online, alzando un polverone non indifferente. E alcune associazioni gay e gente del gruppo "Cittadini della valle di Catawba contro l'odio" stanno già organizzando proteste di fronte al luogo di culto:

"Dobbiamo riempire di gente la strada davanti alla chiesa per dire al mondo che l'odio non è benvenuto nella nostra comunità"

Il video in apertura post.

Fonte | Corriere

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: