L'Alabama dice sì alle nozze gay

In Alabama è passato il matrimonio gay: è lo stato numero 37 degli USA a permettere le nozze tra persone dello stesso sesso

L’Alabama ha detto sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso ed è, così, il 37esimo stato degli USA a permettere le nozze gay. La Corte Suprema ha respinto la richiesta del procuratore generale dell’Alabama di sospendere le licenze in attesa che la stessa Corte si pronunci sull’incostituzionalità del divieto di nozze gay.

La situazione è, comunque, abbastanza confusa in quello stato che, come è noto, è uno dei più conservatore di tutti gli Stati Uniti d’America. Se la Corte Suprema ha ordinato di procedere immediatamente con la celebrazione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso – indipendentemente dal fatto che si presenterà un ricorso o meno – abbiamo anche che Roy Moore, capo dei giudici statali, ha ordinato ai suoi sottoposti di non celebrare le nozze gay, in attesa che lo stato presenti appello.

Succede, così, che grandi città come Birmingham, Huntsville e Montgomery hanno subito rilasciato licenze matrimoniali per le coppie dello stesso sesso, altre città si sono rifiutate di emettere le licenze: stando ai dati di Human Rights Campaign (il più importante gruppo che si occupa dei diritti gay negli Stati Uniti) 52 dei 67 distretti dell’Alabama hanno negato le licenze matrimoniali ai gay. Dal canto suo il governatore dell’Alabama, il repubblicano Robert Bentley, ha fatto sapere che non punirà i giudici in base alla loro decisione di sposare o meno i gay.

Nozze gay Alabama

  • shares
  • Mail