I film LGBT della storia del cinema: Poeti dall'inferno, 1995

Ancora una volta è l’ amore impossibile e travolgente tra Paul Verlaine e Arthur Rimbaud a tenere banco. A sedurre nel 1995 il grande pubblico.

L’ amore intenso e tormentato fino al delirio tra Paul Verlaine e Arthur Rimbaud ha da sempre sedotto il mondo del cinema, dopo un primo approccio nel 1971, nel 1995 arriva sul grande schermo un nuovo film con la regia di Agnieszka Holland e la presenza di un giovanissimo ed efebico Leonardo DiCaprio.

Ancora una volta sotto i riflettori la storia di una passione che spaventa e lacera, unisce e divide i due grandi poeti francesi. Un uomo ed un giovane che si amano, si azzuffano e fuggono sulla scia di un sublime e drammatico delirio poetico e privato prima a Londra, poi a Bruxelles, dove Verlaine, ad un passo dalla follia, spara quei fatidici due colpi contro Rimbaud. Un confronto drammatico prima che le porte della prigione si chiudano su di lui e sul loro tragico e fatale amore.

Solo molti anni dopo, Verlaine contattato dalla sorella di Rimbaud scoprirà la verità sulla sua triste morte in Africa, ricevendo dalle mani della donna una manciata di poesie scritte dal giovane. Versi che la sorella considera infamanti e vorrebbe distruggere, ma che Verlaine pubblicherà un giorno, svelando così al mondo il genio assoluto dell’ indimenticabile ed indimenticato Rimbaud. L’ uomo che l’aveva amato e travolto come un uragano apparso un giorno quasi dal nulla.

Leonardo-Dicaprio-1

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail