La città di Buenos Aires permetterà ai turisti gay di sposarsi

La città di Buenos Aires permetterà ai turisti gay di sposarsi

I turisti (etero e gay) potranno sposarsi a Buenos Aires senza essere residenti in città: sarà sufficiente essere in città da cinque giorni e comunicare un domicilio reale temporaneo di riferimento. Questa misura si iscrive all'interno di una legge in vigore che vuole garantire a tutti il diritto di formare una famiglia senza fare distinzioni in base al sesso dei contraenti.

La provincia di Santa Fe è stata la pioniera in Argentina nel permettere il matrimonio di turisti stranieri dello stesso sesso, permettendo a due cittadini del Paraguay – Simón Cazal e Sergio López – di sposarsi. A questa provincia si sono unite poi quella di Tierra del Fuego e di Buenos Aires e, ora, la Capitale Federale.

Tutti in vacanza in Argentina, allora!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: