Un ricordo di Gertrude Stein nel giorno della nascita

Il 3 febbraio 1874 nasceva in un sobborgo di Pittsburgh Gertrude Stein, uno dei grandi miti del Novecento. Scrittrice di sicuro talento ed animatrice di un leggendario salotto parigino, l’autrice di Tre vite ha lasciato un segno indelebile nella storia della cultura del secolo scorso.

Come non ricordare e celebrare l’anniversario della nascita di un personaggio immenso come Gertrude Stein? Il suo nome, si sa, si identifica non solo con le avanguardie del Novecento, ma va anche a braccetto con i giganti della cultura del secolo scorso.

Nel suo salotto parigino, insieme alla fedele compagna di vita Alice B. Toklas, la scrittrice americana ricevette e protesse scrittori ed artisti destinati a cambiare i connotati dell’ arte e della letteratura, iniettandovi nuova linfa, mostrando le mille strade da seguire. Faro di tutta una generazione che nella capitale francese cercava il bandolo della matassa, il segreto da svelare al mondo, quella “pietra filosofale “ che avrebbe tramutato metaforicamente parlando tutto il vile metallo in oro. Oro che aveva ora il linguaggio della pittura (esiste un celebre ritratto che Picasso fece della stessa Stein), ora della parola illuminante, ora della musica.

Nulla accadeva nel mondo della cultura di quegli anni di inizio secolo che non passasse e sostasse nel salotto sfavillante di geni di Gertrude Stein (1874-1946) che dal suo canto, genio tra i geni, vantava, davvero impossibile dimenticarlo, più di una virtù. Più di un talento.

Gertrude-stein-

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail