L’Ucraina archivia il progetto di legge contro la “propaganda gay”

Le varie iniziative legate con il mondo russo sembrano destinate a non prosperare in Ucraina: tra queste c'è la legge contro la propaganda gay che è stata abbandonata dal Parlamento

Il Parlamento dell’Ucraina ha escluso dalla propria agenda la discussione di un progetto di legge simile a quello russo della “propaganda gay”. Proprio il fatto che si trattasse di una legge simile a quella in vigore in Russia sembra che abbia spinto i politici ucraini ad abbandonare la norma.

L’idea di dotarsi di una legge contro la cosiddetta “propaganda omosessuale dinanzi a minori” si è fatta strada in Ucraina nei primi mesi del 2012. Tra sospensioni e iter vari, a ottobre 2012 in prima lettura la legge veniva approvata: coloro che fornivano informazioni positive sull’omosessualità potevano essere messi in carcere per un quinquennio. L’idea era quella di “proteggere i minori”, come accade con la legge in vigore in Russia.

Nel corso del tempo in molti si sono schierati contro tale norma ucraina: le istituzioni europee, l’amministrazione di Obama, varie organizzazioni che lavorano per la difesa dei diritti umani. Anche Elton John disse la sua in merito (ricordiamo nel 2009 il cantante provò, senza successo, di adottare un bimbo ucraino e in occasione di un suo concerto a Kiev chiese apertamente alle persone presenti di porre fine alla persecuzione delle persone LGBT). Il progetto poi è rimasto sospeso fino alle elezioni dello scorso anno.

Dopo i fatti bellicosi tra Russia e Ucraina, ben poco è cambiato per le persone LGBT in quelle zone. Ma il volersi allontanare dalla Russia ha avuto almeno un effetto collaterale positivo per l’Ucraina: questa settimana la legge contro la propaganda gay è stata depennata dai lavori parlamentari perché ha “perso la sua importanza”. Secondo l’attivista Svyatovslav Sheremet questa tipologia di iniziative “connesse con la Russia e con il mondo russo” hanno ben poche possibilità di prosperare in Ucraina.

Ucraina

Via | Dos Manzanas

  • shares
  • Mail