"Justin Bieber transessuale che ha buttato la vita a vent'anni", parola del pastore cristiano James Manning

Queste dichiarazioni sono decisamente assurde, ma il pastore cristiano James Manning le ha pronunciate davvero

Tra le tante dichiarazioni che il pastore cristiano James Manning ha rilasciato, non potevamo permetterci di far cadere nel dimenticatoio quelle su Justin Bieber: ne parlano alcuni blog italiani, e sicuramente la stampa ignorerà la notizia, e anche diversi blog stranieri, le cui notizie sono suffragate da un video in cui il pastore cristiano della Atlah Worlwide Missionary Church (New York) prima attacca Starbucks, poi George HW Bush, poi gli omosessuali americani e infine Justin Bieber, non senza sottolineare che le esecuzioni degli omosessuali da parte dell'ISIS sono giustificate. Amen.

Verrebbe quasi da fermarsi ed evitare di continuare a scrivere, ma è bene mettere in evidenza la follia a cui un uomo può spingersi, uno che - badate bene - si professa cristiano e che dunque è al servizio di un Dio che non accetterebbe mai certi comportamenti: per Manning - che già aveva dichiarato, in tempi non sospetti, che Obama fosse cocainomane e gay -, Starbucks aggiungerebbe "sperma di sodomiti" all'interno del proprio caffè, George HW Bush avrebbe avuto rapporti con cento uomini, tutti i gay americani sarebbero destinati a diventare cannibali entro la fine del 2016 e Justin Bieber... sarebbe un transessuale pentito di aver tagliato i seni e che "ha buttato via la vita a vent'anni"!

James Manning fa sul serio


james manning

Sembra una barzelletta, ma vi posso assicurare che nel video in apertura dell'articolo le sue parole sono state proprio queste, e tutto per sensibilizzare i genitori a non far cambiare sesso ai propri figli. #senzaparole

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: